Capitale Cultura 2019 Palermo

Palermo Capitale della Cultura 2019, consulta tra gli otto presidenti delle Commissioni Cultura

Da tempo si fa un gran parlare, a Palermo, della candidatura alla città come capitale della Cultura nel 2019.

In relazione a ciò e alla mia recente nomina come presidente della Commissione Cultura alla VII Circoscrizione qui il post – ho chiesto al sindaco, Leoluca Orlando, l’istituzione di una consulta tra gli otto presidenti.

Ecco il testo della missiva:

Spettabile Sindaco,
la candidatura della nostra Palermo come Capitale europea della cultura rappresenta per noi palermitani un grande momento di riscatto.

Troppo spesso abbiamo detto che, per rilanciare la nostra città, è necessario il contributo di tutti i cittadini ed io aggiungerei che tutti i cittadini devono sentirsi protagonisti dell’amministrazione.

Palermo capitale della cultura può rappresentare un grande momento di unione e collaborazione di tutti i livelli amministrativi e conseguentemente di tutti i palermitani: come lei ben sa, in tutte le 8 circoscrizioni sono ormai costituite le commissioni permanenti previste dalle norme sul decentramento, commissioni con poteri consultivi, ma commissioni che possono sicuramente essere di fondamentale importanza per la macchina amministrativa cittadina.

In particolare le commissioni per i servizi culturali, possono rappresentare un momento di grande opportunità per un’amministrazione che vuole fare del decentramento il centro della propria attività, per questo mi rivolgo a Lei spiegando nel dettaglio le mie intenzioni.

Affermando l’importanza della candidatura della nostra Palermo come capitale della cultura credo che sarebbe utile, nonché di fondamentale importanza, creare una consulta tra gli 8 presidenti delle commissioni culturali delle Circoscrizioni, al fine di creare maggiore consapevolezza in tutti gli attori della politica cittadina ed attraverso loro attivare un maggiore coinvolgimento della cittadinanza tutta.

Ovviamente la consulta da me proposta dovrebbe lavorare in piena sinergia con l’assessore alla cultura, ma al tempo stesso potrebbe essere utile strumento di coinvolgimento creativo dei cittadini tutti.

La nostra Palermo può definirsi un museo a cielo aperto, ed in ogni quartiere è racchiusa un pezzo della grande storia cittadina: sarebbe molto interessante riuscire a raccontare Palermo attraverso un viaggio che racchiuda in sé tutte le anime e tutte le sensibilità cittadine, ma sarebbe ancor più interessante riuscire a riaccendere negli occhi dei giovani palermitani una fiammella di speranza, che possa dire che a Palermo si può vivere di cultura.

Ed a Palermo giovani artisti creativi che hanno investito sulla loro professionalità ce ne sono tanti, e sono sicuro che non vedono l’ora di poter contribuire alla rinascita culturale della nostra città.

Questo potrebbe essere uno dei compiti della consulta da me proposta, facendoci anche carico di tornare nelle scuole, nelle parrocchie, nei centri sociali, nelle strade della nostra città, affinché si crei quell’entusiasmo e quella grande voglia di accompagnare questa candidatura cittadina cos’ da costruire non solo un percorso sicuramente vincente per la città, ma un rivoluzione culturale che permetta alla nostra Palermo di essere pronta alle sfide che si presenteranno nel prossimo futuro.

Sicuro della sua attenzione, resto in attesa di un positivo riscontro.