Diego Cammarata

Cammarata? No, grazie

La scorsa settimana ha tenuto banco la notizia dell’incarico dell’ex sindaco di Palermo, Diego Cammarata, come impiegato dell’Agenzia dei Beni Confiscati.

Premessa la soddisfazione per la rinuncia sopraggiunta, visti i guai di cui si è reso protagonista durante i suoi due mandati, è impensabile che Cammarata possa lavorare in un altro tipo di ente amministrativo. 

Non ci si può dimenticare, ad esempio, che l’ex primo cittadino sia sotto processo per la famosa vicenda dello skipper. Nonché quanto accaduto con AMIA: ricordate i viaggi a Dubai?

Ad oggi, quindi, non esiste alcun gesto di Cammarata che possa far capire che sia consapevole degli errori commessi, oppure che si sia attivato per rimediare a qualche disastro cittadino.

Palermo l’ha bocciato. Perché dovrebbe essere riabilitato?