Terremoto all’ARS, tutti gli indagati devono spiegare come hanno speso i nostri soldi

Pubblicato da

Alla luce di quanto sta accadendo alla politica regionale, è sicuramente arrivato il tempo della trasparenza, in cui la politica non può più nascondere il volto tetro e buio degli “affarucci di quartiere“.

L’Assemblea Regionale Siciliana viene investita da un terremoto che non esclude nessuno.

Tutti hanno qualcosa da spiegare, ma poco importa se saranno giudicati per un potenziale reato da un tribunale.

Devono tornare nei territori a spiegare ai propri elettori, ma ancor di più a tutti i cittadini, cos’hanno combinato con i nostri soldi.

Devono farlo tutti gli indagati, ma ancor di più devono farlo gli eletti, e molto di più deve farlo chi, da rottamatore, si è fatto garante del cambiamento.

Qualora non riuscissero, con gli occhi bassi e il capo cosparso di cenere, dovrebbero semplicemente tornare a casa.

Scritto da

Nato a Palermo il 22 gennaio del 1980 sono cresciuto in un quartiere di periferia di questa meravigliosa città: Tommaso Natale. Proprio qui matureranno le prime scelte d’impegno sociale e politico che oggi continuano ad animare il mio impegno a servizio della comunità. [an error occurred while processing the directive]
[an error occurred while processing the directive]
[an error occurred while processing the directive]

I commenti sono chiusi.

[an error occurred while processing the directive]
[an error occurred while processing the directive]