vigili

Gazebo, l’amministrazione sta “uccidendo” le attività commerciali

Mentri u miericu sturia, u malati sinni và“. Ma Palermo non può permettersi la morte dell’economia cittadina.

La multa e la chiusura forzata del Baretto di via XX settembre mostra il volto di un’amministrazione che non riesce più a dialogare con la città.

Le attività commerciali di Palermo soffrono e il compito del Comune deve essere quello di supportarle per rilanciarne, non multarle per ucciderle. L’amministrazione deve tornare a dialogare con la città, ad aprirsi alle necessità cittadine.

Certo, deve essere inflessibile con chi non rispetta le regole, ma correre in soccorso di chi, in questi anni, con enormi sacrifici, le ha rispettate, pur in un momento di forte crisi come questo.

Poi, c’è la maledizione di un Consiglio Comunale inadeguato che non ha ancora avuto la forza e il coraggio per approvare il nuovo regolamento sui gazebo: questa lentezza politico-amministrativa sta uccidendo le storiche realtà economiche di Palermo.

Perché, se è vero che c’è una Giunta che non ascolta la città, è anche vero che il Consiglio Comunale, organo politico capace di imporsi sul Sindaco e sulla Giunta, sta dimostrando il totale disinteresse nei confronti dei problemi della città.