palermo

Tassa di soggiorno scelta miope

A proposito di quest’articolo su CronoPolitica.it, è doveroso sottolineare che la tassa di soggiorno è una scelta miope, che riempie le tasche di Comuni e albergatori (il 20% resterà nelle loro casse) ma dimentica Palermo.

Una città alla quale non servono tasse ma una classe dirigente che ne programmi il futuro, e gli offrà una prospettiva chiara.

È tempo di creare una piattaforma che coinvolga tutti gli attori sociali: Amministrazione, cittadini, attività produttive.

Il futuro di Palermo non può e non deve avere un colore politico, deve piuttosto avere una prospettiva chiara.