fretta

VII Circoscrizione, a volte capita che una seduta duri solo due minuti…

A volte capita che un Consiglio di Circoscrizione – il VII – duri appena due minuti, dalle 9.36 alle 9.38. Sì, lo confesso, un po’ di colpa è anche mia, perché sono arrivato alle 09.39…

Mi chiedo: perché tanta brevità? Devo pensar male, dicendovi che oggi si sarebbe dovuta votare una mia mozione per cercare di dare maggiore ossigeno ai territorio?

Sì, perché la mozione riguardava l’obbligo di chiusura dei centri commerciali di domenica e negli altri giorni festivi, così da restituire tempo alle famiglie di quei lavoratori che, impiegati presso il Forum, Conca d’Oro, Poseidon, ecc., spesso si ritrovano a non avere più un momento in cui potere riunirsi e trascorrere un po’ di tempo insieme.

Ora, stamattina la seduta del Consiglio era stata convocata per le 9.30 e il presidente decide di chiamare sei minuti dopo, quando in aula erano presenti i consiglieri di Forza Italia, del Gruppo Misto e due di Fare Città.

Di gran fretta, alle 9.38, concluso l’appello e firmata la presenza (così il gettone di presenza è in saccoccia), di gran corsa molti consiglieri abbandonano l’aula così da non garantire più il numero legale e causare l’interruzione della seduta.

Non conosco il motivo di tale gesto ma non voglio credere, come detto, che questo sia dovuto alla stupida volontà di impedire agli altri consiglieri, in ritardo di soli 9 minuti, di potere partecipare alla seduta…

Non credo neanche che la volontà possa essere stata quella di non volere votare la mia mozione (anche perché il presidente, componente del gruppo di Forza Italia, si era già espresso negativamente).

Oppure devo pensar male?