campo

Alla VII Circoscrizione va di scena la mozione inutile di Forza Italia

A volte capita che il Consiglio della VII Circoscrizione si trovi a dover fronteggiare dei compagni di viaggio poco corretti e incapaci di comunicare all’esterno le giuste informazioni. Per questo ho deciso di mettere un po’ di ordine.

Poco tempo fa qualche collega denunciava una situazione consiliare grave, dove una maggioranza, che veniva paragonata ad un “orco brutto e cattivo” odiando cittadini e territori, non faceva altro che bocciare tutto ciò che i poveri angioletti cercavano di proporre, ma purtroppo non venivano ascoltati.

E oggi nuovamente l’orco brutto e cattivo ha deciso che il campo da baseball non deve essere ristrutturato. Se dicessi che dicono semplicemente una falsità, sarei troppo buono e non renderei giustizia a ciò che accade nella nostra aula consiliare.

Per cui, mettiamo ordine:

  1. La Settima Circoscrizione è oggi guidata da Forza Italia, il Presidente Pietro Gottuso è un componente del loro gruppo.
  2. Il gruppo di Forza Italia è quello più numeroso: 6 componenti (ben 5 consiglieri più il Presidente) su 16, e non riescono neppure a dialogare con altri consiglieri di Centrodestra (questo basterebbe per far riflettere).
  3. Hanno talmente fiducia nel loro Presidente che hanno pubblicamente detto che sarebbero disponibili a sfiduciarlo. È lecito chiedersi perché tale sfiducia non la portino in aula: forse la loro paura è che tale mozione di sfiducia possa essere approvata anche con il loro voto, così da palesare il fallimento della loro gestione.
  4. Sono talmente arroccati nelle loro battaglie e talmente arrabbiati con il resto del mondo che hanno la grande capacità di presentare emendamenti che, se approvati, sarebbero inutili e inopportuni nel contesto delle mozioni…

Adesso proverò a ripercorrere la storia della mozione riguardante il Palazzetto dello Sport, e conseguentemente spiegherò il motivo della mia contrarietà all’emendamento.

Nella seduta di oggi il consiglio della VII Circoscrizione è stato chiamato, grazie ad una mozione a firma del Cons. Sergio Susinno (Gruppo Misto) a trattare il tema del Palazzetto dello Sport, ed in particolare l’obiettivo della mozione era un’impegnativa al presidente affinchè si attivasse, presso gli organi competenti, per il suo recupero.

Durante la discussione qualche collega decide di proporre un emendamento affinché si inserisse nell’oggetto, e nell’impegnativa, le parole “e il diamante”.

Approvarlo sarebbe stato inutile quanto stupido, perché tale modifica sarebbe paragonabile al voler arricchire un libro, aggiungendo una parola nel titolo e una nell’ultimo paragrafo ma lasciando l’intero testo immutato… lascio a voi il giudizio sulla validità di tale emendamento.

Nel mio intervento ho precisato che, oltre ad essere contrario all’emendamento, spiegavo come il Diamante avesse bisogno di un intervento diverso da quello del Palazzetto dello Sport e, inoltre, una mozione specifica va fatta affinché l’amministrazione di Leoluca Orlando non commetta lo stesso errore che commise quella di Diego Cammarata, autorizzando all’interno della struttura un’esibizione di motocross con tutte le conseguenze del caso.

Oggi invito i miei colleghi alla correttezza e all’onestà e a raccontare sempre la verità – che ci rende liberi – e conferisce onore e merito a chi svolge il proprio dovere e altrettanto demerito a chi strumentalizza le azioni altrui.

All’interno del Consiglio siamo chiamati a fare l’interesse dei cittadini e non si fa semplicemente cercando di fare ostruzionismo all’altrui lavoro: l’interesse si fa con azioni concrete verso i cittadini.

Certo è singolare che il gruppo che guida la Circoscrizione non riesca ad essere propositivo ma riesce soltanto a montare polemiche sui social raccontando mezze verità.

Concludo con un affettuoso consiglio tecnico: anche la scelta delle foto è importante ma è ancor più importante scrivere il luogo delle immagini: un Diamante in perfetto stato e  l’interno del Palazzetto distrutto mostrano a chi legge quanto importante fosse l’intervento per il Palazzetto e quanto inutile il vostro ostruzionismo.