Tommaso Natale, intitolata piazza a D’Angelo: giusto riconoscimento

Stamane, sabato 18 marzo, ho partecipato alla cerimonia di intitolazione di una piazza a Giuseppe D’Angelo, detto Pino, ucciso barbaramente dalla mafia nel 2016 per via di uno scambio di persona.

Si è trattato di un giusto riconoscimento per una vittima innocente e per una borgata, come quella di Tommaso Natale, che non deve dimenticare e deve contrastare il malaffare e la delinquenza.

 

Ricordando Giuseppe D’Angelo: la mafia non è solo cosa nostra

Grazie all’associazione Libera oggi ho partecipato per la seconda volta a un incontro tenutosi con gli alunni delle scuole delle medie per parlare di Giuseppe D’Angelo, come familiare della vittima, insieme alla sorella Caterina e a mia mamma. Giuseppe, infatti, era un nostro cugino.

Già in passato vi ho raccontato la storia di questa vittima innocente e oggi ho avvertito una grande responsabilità verso quegli alunni che mi ascoltavano, perché a loro non abbiamo raccontato soltanto il folle gesto di cosa nostra ma, insieme a Libera, alla sorella Caterina e a mia madre, abbiamo cercato di trasmettere il bisogno di riscatto, la necessità di rinascita che deve crescere in modo sempre più forte nella nostra città.

Continua a leggere…

In ricordo di Giuseppe D’Angelo, una grande persona “normale”

Oggi è un giorno speciale. Il giorno in cui si commemora una persona normale, una grande persona normale. Giuseppe D’angelo, “Pino” nel 2006 è stato barbaramente ucciso dalla mafia, per un puro e semplice scambio di persona. In quella occasione la criminalità ha mostrato il volto più cupo e terribile, palesando che per lei la vita non vale nulla.

Ed anche un innocente può morire. Ricordo Pino con grande affetto, nel suo bar. Io sono cresciuto, e ricordo ancora quando mi recavo lì con i miei genitori per mangiare un gelato, rigorosamente un cono con panna. Divoravo immediatamente la panna per poi chiedergli se poteva aggiungerne dell’altra. E lui non diceva mai di no.

Pino era una persona semplice, ben voluta da tutti coloro che lo conoscevano, ed oggi – come tengo a precisare nuovamente – è un giorno speciale perché non siamo qui a ricordare una vittima “illustre”, ma a commemorare uno di noi. Una persona semplice, un lavoratore che ha sempre vissuto onestamente ed è sempre stato un amico per tutti.

Leoluca Orlando

Piazzetta intitolata a Giuseppe D’Angelo, ho chiesto d’incontrare il sindaco

L’11 marzo scorso, come scritto quiho presentato una mozione al consiglio della VII Circoscrizione per intitolare una piazzetta a Giuseppe D’Angelo, ucciso per errore dalla mafia il 22 agosto del 2006, perché i criminali pensavano che fosse il boss Spatola.

Ebbene, la VII Circoscrizione ha deliberato che si faccia richiesta al Comune di titolare la piazzetta del Casello in piazzetta Giuseppe D’Angelo.

Ecco perché, tramite una nota, ho chiesto d’incontrare il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, per potere pianificare questa variazione, in considerazioni del fatto che il 26 agosto ricorrerà l’ottavo anniversario di quel delitto.

E ho motivato così: “Giuseppe D’angelo è un nostro concittadino, vittima innocente della mafia, con tale omicidio la criminalità organizzata ha mostrato alla cittadinanza tutta il feroce volto del terribile mostro che travolge senza pietà anche i cittadini innocenti”.

 

Tommaso Natale, intitolare piazza a Giuseppe D’Angelo, ucciso per errore dalla mafia

Ieri, ho presentato una mozione al consiglio della VII Circoscrizione per intitolare una piazzetta a Giuseppe D’Angelo, ucciso per errore dalla mafia il 22 agosto del 2006, perché i criminali pensavano che fosse il boss Spatola.

Nel testo che ho presentato al presidente Pietro Gottuso, ho premesso che quell’omicidio, oltre che mostrare il volto spregevole della mafia, ha scosso le coscienze della borgata di Tommaso Natale.

Inoltre, ho affermato che è dovere morale dell’amministrazione comunale tenere alto l’onore e la memoria dei propri concittadini caduti per mano mafiosa e di ricordare, di conseguenza, un cittadino trucidato per errore e senza pietà.

Perciò, ho chiesto di variare la titolarità della piazzetta del casello in Piazza Giuseppe D’Angelo.

Vi terrò aggiornati sulla questione.